Il Governo Presenta il Conto a Concessionari Slot e Vlt

legge di stabilità

Da tempo si aspettava la stangata da parte del governo ai concessionari del gioco d’azzardo ed ora sembra proprio arrivato quel momento che, a detta di molti, potrebbe mettere in crisi l’intero settore e portare addirittura a chiudere delle attività.
 
Infatti, con la nuova legge di stabilità,il governo Renzi chiede di pagare ben 500 milioni di euro ai vari concessionari.
 
Saranno oltre 100 i milioni da pagare per Lottomatica, mentre oltre 85 per Bplus, circa 50 per Gamenet, 45 milioni per sisal, 43 per Hbg, circa 42 per Cogetech, 34, 5 milioni per snai e cosi via.
 
Più o meno sarà questo il nuovo conto che sarà presentato ai concessionari di apparecchi da intrattenimento presentato dallo Stato con il decreto attuativo di AAMS che deriva dalla legge di stabilità 2015.
 
Il calcolo della spesa per ogni concessionario viene effettuato in base al numero di apparecchi collegati alla singola rete fino a data 31 dicembre 2014 e secondo i dati raccolti le slot machine non dovrebbero superare le 365 mila unità, mentre le vlt sono circa 61 mila.
 
Di certo, lo scenario economico che si va profilando non è tra i migliori per i concessionari che con la nuova tassazione si troveranno a dover sborsare davvero un bel gruzzoletto. Inoltre, come si può ben immaginare questa tassa sta creando non poco scompiglio visto che, secondo molti, le entrate dei concessionari potrebbero non arrivare a coprire le spese e portare molti a decidere di chiudere la propria attività.
 
Nonostante la legge di stabilità 2015 sia effettiva, quindi, ancora non si riesce a capire bene come ci si deve comportare e come si deve fare per evitare che porti i vari concessionari a dichiarare fallimento con un danno economico non indifferente che colpirebbe davvero tutti, Stato compreso.